Ignazia Mattana e il mercato della ceramica

Da sempre numerose aziende si affidano alla mano esperta di un rappresentante, un agente di commercio che rappresenta una figura fondamentale nella gestione della vendita dei prodotti. La sua funzione è quella di pubblicizzare la merce proposta dalla ditta a cui lui appartiene, ma, nello stesso tempo, deve essere abile nel captare anche ciò che il mercato richiede effettivamente, in modo tale da essere continuamente aggiornati. Non si può restare sempre ancorati al passato, perché i clienti desiderano oggetti sempre più attuali e conformi al presente.


Ignazia Mattana, ceramista di Assemini, ha scelto di percorrere questa strada: la vendita dei suoi prodotti è organizzata da un rappresentante, il cui ruolo è legato alla pubblicità e all’informazione. Si tratta di una figura con la quale si crea un rapporto di fiducia molto stabile, perché permette di ottenere successo e richiesta continua delle opere artigiane e artistiche di Ignazia Mattana. Attraverso studi e aggiornamenti, si può arrivare a un adeguamento perfetto con la domanda del cliente tipo.


Dalla tipologia di oggetti al genere di immagini da raffigurare, si riesce ad accontentare il mercato della ceramica. Dai pezzi classici che seguono il filone turistico, quali le donne sarde in costume, i vasi e i centritavola, si pensa di raggiungere anche le volontà di altre cerchie di acquirenti, arrivando così alla produzione della cosiddetta "oggettistica d’uso": manufatti creati per la cucina e per l’arredamento e persino targhe indicative dei numeri civici delle case.


Dalle immagini riguardanti la tipica pavoncella si opta per due strade parallele: la prima segue ugualmente la linea dell'uccellino simbolo di prosperità, apportando, però, delle modifiche e delle varietà dello stesso soggetto ogni anno - un’aggiunta, un cambiamento, un colore differente; la seconda segue una linea concernente una molteplicità di soggetti rappresentati, legati comunque all’Isola, come il corallo o altri generi di animali oltre la pavoncella.

La scelta di affidarsi a un rappresentante è successiva a un percorso lavorativo precedente lungo undici anni, durante i quali la ceramista è stata dipendente di un noto artigiano del settore per il quale ha iniziato a lavorare eseguendo delle decorazioni in ceramica bianca. Sfortunatamente, la ditta del ceramista, con il quale Ignazia Mattana ha imparato il mestiere, è stata chiusa. Ma, da donna forte e tenace, ha deciso di portare avanti l’attività della ceramica, spinta dalla passione e dall’amore per questo genere di arte.


Grazie alle numerose soddisfazioni, ha proseguito nel suo intento di crescere artisticamente e di far conoscere i suoi capolavori. I suoi oggetti sono realizzati, oltre che con il classico tornio, anche mediante esecuzione a "stampo", tecnica attraverso la quale si prepara uno stampo in gesso dove, successivamente, si fa colare l’argilla sotto forma di liquido, detto "colaggio". Una volta asciugato, si inserisce il prodotto nel forno per la cottura a "biscotto".


La Sardegna non costituisce soltanto la tematica maggiormente impiegata nei dipinti e nelle decorazioni delle opere di Ignazia Mattana, ma rappresenta anche il luogo privilegiato per la vendita di tali opere. L’Isola figura come la Terra degli eventi a cui la nota ceramista ha partecipato e durante i quali ha ottenuto vari premi e riconoscimenti. Inoltre, la gestione delle vendite avviene prevalentemente in questo territorio, in modo da creare un feedback con la clientela, che riceve il prodotto finito direttamente dal rappresentante. Nonostante il commercio delle sue opere d’artigianato avvenga in Sardegna, il passaparola si verifica anche a livello nazionale, in quanto, essendo l’Isola terra di Turismo, molti clienti provengono da altre zone d’Italia e una gran parte è rappresentata da personaggi famosi e importanti. Santa Teresa di Gallura e Alghero sono le mete più redditizie.


Come ogni settore, anche l’arte deve essere in continuo aggiornamento e gli artisti devono tenersi al passo coi tempi, senza peccare di presunzione, ma cercando di acquisire la consapevolezza che ogni giorno del presente è ormai futuro. Essere al corrente di ciò che il mercato desidera è importante per rinnovare giorno dopo giorno anche le proprie abilità artistiche mettendosi sempre in gioco.

01 settembre 2015

Sara Atzori
©2019 Copyright - Sandalyon