Paesaggio da cartolina: Porto Istana

Quattro fantastiche spiagge fronteggiano l'isola di Tavolara

La paradisiaca composizione dei colori del mare unita alle luci solari che riflettono nell'acqua rendono Porto Istana meta turistica di forte attrattiva, il cui toponimo è rivolto al porticciolo di approdo dei natanti. L'insenatura si apre a pochi chilometri a sud di Olbia, comune della Sardegna nord-orientale, delimitata da scogli e vegetazione tipica della macchia mediterranea, seppur si compone di un gruppo di quattro spiagge suddivise da alcune fasce rocciose.

 

Ben collegata alla città olbiese da traghetti e mezzi pubblici è dotata di molteplici servizi che rendono il soggiorno piacevole e comodo, tra cui minimarket, ristoranti, bar e tabacchi, affitto di pattini e natanti, parcheggio a pagamento. La flora marina e la copiosità di pesci attrae gli appassionati della pesca subacquea e dello snorkeling, attività quest'ultima consistente nel nuotare con il solo aeratore ad una profondità variabile dagli zero ai cinque metri.

Foto di B. Manunza - http://www.sardegnadigitallibrary.it/
Foto di B. Manunza - http://www.sardegnadigitallibrary.it/

La spiaggia è sita alla base del massiccio promontorio granitico di Capo Ceraso, le cui colline proteggono la spiaggia dai venti del maestrale rendendola un'ideale località balneare anche in merito ai suoi fondali bassi e sabbiosi. L'acqua cristallina del mare, che si veste di colori iridescenti tra il verde smeraldo, l'azzurro e il turchese fa da scenografia all'Isola di Tavolara che si staglia all'orizzonte.

 

Il prorompente scoglio del Mar Tirreno, dalla singolare conformazione della nave dei Feaci pietrificata da Poseidone secondo la mitologia classica, è la cornice di uno dei paesaggi più affascinanti dell'isola ed osservarlo seduti su una delle piccole sporgenze rocciose, pronunciate rispetto al fondale, ricorda le cartoline rappresentative del posto. L'immagine non cambia: è questa la magia di Porto Istana.

Foto di A. Saba - http://www.sardegnadigitallibrary.it/
Foto di A. Saba - http://www.sardegnadigitallibrary.it/

01 giugno 2015

Veronica Pastore
©2018 Copyright - Sandalyon